Recensiamo

Libreriamo

Musica e ribelli 1966-1970, dai Beatles a Woodstock

Musica e ribelli 1966-1970, dai Beatles a Woodstock

Arriva dal Victoria & Albert Museum la mostra allestita alla Fabbrica Del Vapore di Milano a cura di Victoria Broackes e Geoffrey Marsh del Victoria and Albert Museum  insieme a Fran Tomasi, Clara Tosi Pamphili e Alberto Tonti per l’edizione Italiana che ha aperto al pubblico il 2 Dicembre 2017 fino al 4 Aprile 2018.

IL PROGETTO

Si tratta di un’esperienza coinvolgente ed immersiva, un viaggio che porta il pubblico indietro nel tempo per vivere – o rivivere- quel periodo movimentato e kaleidoscopico in cui la voglia di cambiamento si concretizzava nella musica e nei festival. Una rivolta pacifica contro la guerra e le discriminazioni fatta da ragazzi con capelli lunghi e da ragazze con le gonne sempre più corte. È l’inizio, appunto, di una rivoluzione artistica e culturale che cambierà la storia.

Si avrà la possibilità, di passeggiare tra i personaggi che hanno fatto entrare il senso di rivoluzione nelle case di tutti attraverso gli album originali di un’epoca d’oro per la musica, i manifesti, fondamentali per la propaganda politica e culturale, gli abiti e i libri. Tutti elementi che hanno dato vita agli ideali di una generazione ribelle.

IL PERCORSO

Sono state realizzate 7 sezioni, visitabili non obbligatoriamente in ordine, che vedono il concetto di rivoluzione evolversi contemporaneamente in diverse città e sotto diversi aspetti:

Si parte dalla prima sezione “ La Swinging London “  – 1966, a Londra era in atto una vera rivoluzione sociale e artistica con al centro la musica dei Beatles, dei Rollig Stones e degli Who insieme a negozi di moda che proponevano nuove e coloratissime tendenze diventando punto di ritrovo dei giovani inglesi.

“Musica e Contro-Cultura” tutto è una sperimentazione continua, qui si incontrano le religioni esotiche e i loro culti; i club psichedelici dove i Pink Floyd erano di casa; i poster  dei vari artisti e i manifesti di propaganda hippie – tutto accompagnato dalle canzoni dell’album Sgt Pepper’s Lonely Hearths Club Band.

“Power to All People – Voci del Dissenso”  dove si possono capire le azioni e le motivazioni degli attivisti del  ’68. Una scintilla che partì dalla Francia con operai e studenti che manifestavano per le strade e da cui prese fuoco l’intera Europa creando una battaglia politica e ideologia generale. Qui si trovano poster di personaggi politici come Mao, Lenin e Marx; contro la guerra e la discriminazione raziale e sessuale.

“Costumi e Consumi”  dal dopoguerra la crescita economica non accennava a diminuire e si traduceva man mano in consumismo. Grandi protagonisti furono l’Esposizione Universale di Montréal del 1967 e la World Expo a Osaka del 1970 dove milioni di visitatori si accalcarono per scoprire e poi acquistare i prodotti più nuovi. Si possono osservare i costumi dei personaggi del momento e le cover degli album più celebri insieme a pezzi d’arredamento all’avanguardia.

“The Summer of Love – Comuni e West Coast”  l’idea è quella di un futuro migliore e uguale per tutti. Grande protagonista è la West Coast americana dove spopolavano hippie e comuni nuove nascevano ogni giorno. Di fondamentale importanza era anche la questione ambientale; nasce in quegli anni Green Peace e viene istituita nel 1970 l’International Earth Day.

“Woodstock e La Cultura dei Festival” se la città era il cuore pulsante dei movimenti e delle ideologie la campagna era l’eden dove rigenerarsi vivendo in piena libertà e ascoltando musica. Enormi folle si incontravano ai festival , da Monterey e Glastonbury all’ Isle of Wight e il New Port Jazz festival fino a quello più famoso di Woodstock. Qui si trovano poster e riviste sui raduni musicali, fotogrfie e cimeli di Woodstock, la chitarra distrutta da Jimi Hendrix a Monterey e la lettera di Paul McCartney in cui annuncia lo scioglimento dei Beatles.

“WOODSTOCK – LIVE EXPERIENCE” è la sezione conclusiva, ci si ritrova in una sala con prato, cuscini e maxi schermo dove il pubblico può godersi in altissima qualità l’esperienza musicale che ha fatto la storia ascoltando le esibizioni di Janis Joplin, Joe Cocker degli Who, di Jimi Hendrix e tanti altri artisti.

È una mostra dunque da non perdere, un’occasione d’incontro per le diverse generazioni: per chi quel periodo l’ha vissuto e vuole fare un tuffo nel passato e chi invece vuole capire e assaporare l’atmosfera elettrizzante e rivoluzionaria di quegli anni.

Alice Turiani

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti

Libreriamo

Uno spazio dedicato esclusivamente agli appassionati di libri, arte e cultura, in cui vengono raccolte le loro opinioni ed i loro pareri legati ai libri in uscita ed alle principali mostre d’arte, sempre più parte attiva all’interno della community di Libreriamo.

Puoi partecipare anche tu con la tua recensione. Clicca qui per partecipare attivamente con le tue recensioni di mostre d’arte e di libri.

Utenti online